ChannelDraw
Gianluca Costantini
Projects / Stagione del mutuo discorso

Dialogo di Isabella Bordoni con Gianluca Costantini, parte 1

  • 1 – 6’41” Sull’invito a disegnare le figure di Langer e Leogrande. Sarajevo. Il proprio metodo di lavoro. Azione civile e movimento globale
  • 2 – 5’00” Sulla figura di Joseph Beuys, “Fraterna” a Langer e Leogrande. Albania – Libia
  • 3 – 3’42” Su Libia e Gheddafi, dittatura e storia. Frontiera economica.
  • 4 – 7’25” Sul suo lavoro sui migranti. Lavoro sull’ISIS. Francia e odio sociale. La forza sovversiva della scrittura e della poesia

Stagione del mutuo discorso
21 novembre – 5 dicembre 2020
Publishing urbano nelle strade di Modena
A cura di Isabella Bordoni
Periferico Festival 2020

Progetto

Ci sono esistenze che, se anche lontane geograficamente o generazionalmente, se anche materialmente assenti alla dimensione terrena perché breve e intensissima la loro parabola umana, gettano una luce persistente sulla vita degli altri. Non solo – com’è comune che accada – sulla vita dei familiari o di chi li ha conosciuti e voluto bene, ma anche sulla vita degli sconosciuti. E non nei modi dei leader o delle dottrine ma in quelli di una postura, di un incedere, dei toni della voce e del discorso; dove generosità, intelligenza, rischio, sono forme tangibili di un pensiero che fa con te famiglia. 

Accade con le persone, come con i luoghi. Questa teoria degli affetti che riconosce persone e luoghi, se anche li lascia sconosciuti riserva loro una forma d’amore e la statura di esempio. Noi siamo i luoghi che abbiamo attraversato. I luoghi vissuti o immaginati, i luoghi ricomposti e ricombinati con arbitrio, i luoghi sovrapposti o dimenticati. Noi siamo le persone che abbiamo incontrato, ascoltato, sfiorato, cresciuto, mancato. La presenza degli uni agli altri, fa di noi, anche nell’assenza, creature di quella relazione. Continua

Mutuo Discorso

Newsletter

saving your data…