ChannelDraw
Gianluca Costantini
Political Comics

La strage dei fiori al Festival dell’appartenenza e dell’inclusione

Per una settimana, dal 21 al 28 ottobre, chi entrerà in numerosi esercizi commerciali della città di Lecce, potrà lasciarsi sorprendere dalle venti opere della mostra diffusa “La strage dei fiori”(Link).

L’autore Gianluca Costantini è un un fumettista che da tempo ha orientato la sua arte verso l’impegno in difesa dei diritti umani. Alcuni dei suoi disegni hanno iconicamente denunciato e messo sotto gli occhi di tanti i risvolti umani dei fatti di cronaca internazionali. Anche la mostra itinerante “La strage dei fiori” è un concentrato di significati e di impegno civile disseminato nella città: presenta le immagini delle vittime della repressione del governo di Teheran contro la rivolta in corso da settembre 2022 a seguito dalla morte di Mahsa (Jina) Amini, studentessa curda 22enne, avvenuta mentre era sotto la custodia della polizia in arresto per non aver indossato correttamente il velo. La mostra si iscrive all’interno del fitto programma del Festival dell’appartenenza e dell’inclusione che quest’anno ha come tema “Dire donna”, organizzato dall’Associazione C.A.SA. e dalla Fondazione Div.ergo-ONLUS di Lecce.
Web: www.animare.it

“Tu, amico, tu, fratello, tu che hai il mio stesso sangue. quando arriverai sulla luna scrivi la storia della strage dei fiori.”

La parole della poetessa iraniana Forugh Farrokhzad hanno ispirato il titolo della mostra di Gianluca Costantini, dedicata al dramma vissuto dalle donne, dai giovani e dagli oppositori al regime teocratico iraniano. La mostra sarà diffusa in città, in numerosi esercizi commerciali (vedi la mappa al centro dell’opuscolo) disponibili ad ospitare un messaggio drammatico e urgente: in 20 pannelli presenta le immagini delle vittime della repressione del governo di Teheran contro la rivolta in corso da settembre 2022 a seguito dalla morte di Mahsa (Jina) Amini, studentessa curda 22enne, avvenuta mentre era sotto la custodia della polizia in arresto per non aver indossato correttamente il velo.

Italy / Iran

Political Comics

Newsletter

saving your data…